"/> "/> "/>

In tour da Grenoble a Chambery

Grenoble è una di quelle cittadine che non ti aspetti. Una sorpresa stupenda.

Situata nel cuore della regione Rodano-Alpi dove la montagna è onnipresente, è una città viva e accogliente: una vera e propria metropoli alpina che vive in perpetuo slancio verso le vette circostanti. Polo d’attrazione europeo e centro tecnologico all’avanguardia, Grenoble ha saputo conservare le vestigia di due millenni di storia, conciliandole con la modernità.

E’ un luogo veramente piacevole, in primis per passeggiare o fare delle lunghe camminate, nel suo centro, ammirando i palazzi pittoreschi che si animano ogni giorno con i colori dei mercati: Place aux Herbes, de Gordes, Saint-André, verso le cime o nei diversi parchi che la circondano. Se poi avete tempo perdetevi ad ammirate l’antico Palais du Parlement de Dauphiné, La Casamaure, uno splendido palazzo in oro grigio e i suoi numerosi musei come il Musée de Grenoble, Musée dauphinois, Musée de l’Ancien Evêché, Musée de la Résistance et de la déportation, nonché il Muséum d’histoire naturelle.

In secondo luogo per mangiare. Uno dei suoi piatti tipici è il boeuf bourguignon, che consiste in un uno stufato che viene preparato con il manzo Charolais, ma si trovano anche dei formaggi molto buoni, come il Vacherin o l’Emmenthal francese, assieme a tanti altri. E noi ce ne siamo accorte subito quando abbiamo degustato la nostra raclette, forse la migliore provata, presso La Ferme à Dédé, un ristorante di tradizione regionale.

A Grenoble dovete assolutamente visitare la Bastiglia, situata su una collina a 475 metri d’altezza, che potrete comodamente raggiungere attraverso una teleferica, la prima al mondo ad essere situata in una città, o a piedi, scegliendo di seguire un sentiero lungo la montagna o, come abbiamo fatto noi, di affrontare i suoi numerosissimi scalini. Una bella faticaccia ripagata dallo splendido panorama che si può ammirare arrivati in cima.

Nella Bastiglia potrete anche mangiare o acquistare qualche souvenir locale, nonché svagarvi, scegliendo di provare l’ebrezza dell’Acrobastille, una serie di percorsi sicuri e divertenti per i più piccoli, o la ferrata per gli adulti.  E se avete ancora qualche giorno a disposizione, da Grenoble dirigetevi a Chambery, quella che era la capitale della Savoia Italiana, oggi provincia francese della Savoie. In una quarantina di minuti vi ritroverete in un luogo da cui si defilano caratteristici scorci di viuzze ricche di botteghe e ristoranti, che rimarcano la sua storia medievale.

Simboli della città sono la Fontaine des Elephants posta su Boulevard de la Colonnee il castello dei Duchi di Savoia che ospita un gradevole museo.

Questo è quello che abbiamo provato noi, altro da aggiungere? Cool

Bookmark and Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *